Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Marsilio a Speranza: "Anticipare la fine della 'zona rossa'"

Il presidente della Regione Abruzzo sollecita il ministro della Salute per la variazione di fascia

redazione
Condividi su:

"Pensiamo di poter produrre dati che dimostrano come l'Abruzzo, che già venerdì scorso era stato classificato come appartenente alla categoria 'arancione', mostri dati ancora migliori rispetto alla settimana scorsa e quindi riteniamo che non sia necessario continuare a farlo perdurare in una zona rossa dalla quale è evidentemente uscito".

Lo afferma Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo, che ha scritto al ministro della Salute Roberto Speranza.

Il passaggio ad una zona di rischio inferiore, in base alle normative in vigore, è previsto per il 10 dicembre, ma Marsilio auspica che la variazione di fascia possa essere anticipata.

L'Abruzzo, in base agli ultimi dati, non è più una regione da 'zona rossa', rimarca il presidente e questo "grazie alle politiche che abbiamo adottato e anche grazie alla tempestività con la quale abbiamo agito anticipando di alcuni giorni la dichiarazione del ministro Speranza di zona rossa che ha comportato un anticipo delle cure che sono state sufficientemente efficaci", ponendo in evidenza che l'indice Rt è a 1,11, il tasso di occupazione delle terapie intensive al 40% e il tasso di occupazione di posti letto in area critica al 48%.

Insomma, "tutta una serie di indicatori all'interno della media nazionale. L'Abruzzo, oggi - conclude Marsilio - indica un suo sostanziale allineamento alle medie italiane e quindi non può essere trattato come se fossa la regione più pericolosa o peggiore d'Italia".

Fonte Ansa

Condividi su:

Seguici su Facebook