Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fratelli d'Italia: "nessuno si senta escluso, ripartiamo dalla condivisione"

Condividi su:

'Nessuno Si Senta Escluso'

Il Laboratorio Politico del centrodestra e della destra lancianese è patrimonio comune, per questo il coordinamento lancianese di FidAn guidato da Mastrocola, Giovannelli e Basillischi - pur impegnati nella costruzione della forza politica del Presidente Meloni anche a Lanciano - sta dedicando tempo e impegno a far in modo che Lanciano possa voltare pagina tra meno di un anno, con l'aiuto e la condivisione più totale da parte di tutti coloro che ci vogliono stare.

In questo senso vanno letti riunioni e incontri che da tempo stanno vedendo al tavolo man mano un numero maggiore di componenti, sia forze politiche sia movimenti civici, che partendo dalla negativa esperienza 2011 e soprattutto dalla peggiore amministrazione comunale lancianese, quella in carica, vogliono tornare a scrivere le pagine politiche e amministrive che Lanciano merita.

Nessuno si senta escluso da questo processo che partendo da un progetto politico condiviso e partecipato potrebbe portare nel giro di pochi mesi anche all'individuazione di un candidato unitario autorevole sul quale far confluire impegno e voti di un'ampia coalizione.

FdiAn non si sottrarrà tuttavia a priori da percorsi moderni, e nuovi al centrodestra, come le primarie, che sono scritte nello statuto del partito di Giorgia Meloni, ma ovviamente l'obiettivo è tornare al governo della città frentana, e con il grande movimento riorganizzativo (tesseramenti, congressi, classe dirigente) che sta attraversando quasi tutti i partiti del centrodestra, affrontare le primarie è difficile e comunque sarebbe possibile solo ed esclusivamente con regole certe, condivise e chiare, scritte a Lanciano.

La centralizzazione delle direttive e delle scelte politiche, spesso trasferite a Roma dalla sede locale, non ha portato fortuna nelle ultime competizioni, e FdiAn pone nuovamente al centro dell'agenda la costruzione dal basso, in loco, di progetti e candidature che devono avere il pregio e la forza di una grande condivisione, senza veti e senza diktat.

Chi ha sbagliato si ponga difronte alle proprie responsabilità, lasciando campo e possibilità a chi non vuole morire renziano, e soprattutto cominci ad assumere un atteggiamento politico coerente tanto in Abruzzo quanto a Roma  quanto ancora a Bruxelles. Chieti, Lanciano e Vasto saranno banchi di prova straordinari per capire se il centrodestra esiste,  e vuole terminare la fase negativa caratterizzata da ingerenze e veti provinciali e nazionali che ne hanno scalfito voti,  credibilità e progetto politico.

Condividi su:

Seguici su Facebook