Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Sarà restaurata la casula medievale ritrovata nella Torre di San Giovanni

Recuperati anche altri due capolavori d'arte sacra abruzzesi.

| di Simone Cortese
| Categoria: Arte e cultura | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

LANCIANO - Sarà presentato domani mattina, mercoledì 27 maggio, a partire dalle ore 11.00, presso l’auditorium del Castello Piccolomini di Celano (Aq) il progetto “Restituzioni: Tesori d’arte restaurati” un grand tour dei restauri abruzzesi avviato dal Polo Museale d’Abruzzo in collaborazione con l’istituto bancario Intesa San Paolo che attraverso la sua generosa partnership  permetterà il recupero di tre straordinari capolavori d’arte sacra: la Madonna in trono con bambino del XIII secolo proveniente da Castelli (TE), la Croce processionale in argento del XVII secolo del Museo d'Arte Sacra della Marsica e la Casula in tessuto operato del XIV secolo ritrovata a Lanciano.

La presentazione vedrà gli interventi di Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell'Abruzzo, Maria Alessandra Vittorini soprintendente unica per l'Aquila e il cratere, Michele Coppola e Silvia Foschi dirigenti di Banca Intesa, delle autorità ecclesiastiche e dei restauratori Tiziana Benzi del Laboratorio di restauro e di Umberto Maggio e Antonio Mignemi di Mimarc.

Il restauro della casula ritrovata nel gennaio 2014 durante il cantiere di recupero della Torre di San Giovanni, è motivo di grande soddisfazione per Lanciano che vedrà tornare a splendere il più antico manufatto di questo genere conservato fino ai nostri giorni tra quelli del patrimonio artistico diocesano, ma soprattutto per l’associazione culturale “Amici di Lancianovecchia” che rendendo possibile la ristrutturazione della torre ha riportato alla luce, tra lo stupore di molti, questa elegante veste liturgica. 

La speranza è che una volta completato l’iter di recupero essa possa tornare a Lanciano per far conoscere ai suoi cittadini la storia di questa straordinaria scoperta che dimostra ancora una volta come le associazioni culturali siano a volte più efficenti dello Stato nel recupero e nella valorizzazione dello sterminato patrimonio culturale italiano.

Simone Cortese

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK