Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Caporale contro il monitoraggio dell’aria effettuato dal Mario Negri Sud

Secondo il consigliere dei Verdi, il monitoraggio a radielli non sarebbe sufficiente a rilevare una corretta qualità dell’aria.

Condividi su:

Lanciano - Tra i punti importanti affrontati durante il Consiglio Comunale Straordinario di ieri a Lanciano si è discusso anche di qualità dell’aria. 
Come evidenziato in una lettera del 30 Gennaio 2012, il Consigliere Alex Caporale, rappresentante dei Verdi nel comune di Lanciano, aveva già previsto che i risultati del monitoraggio effettuato dal Mario Negri Sud avrebbe dato esito positivo.

 

Queste infatti le dichiarazioni del consigliere: “Come previsto, il mezzo utilizzato dal Mario Negri Sud per effettuare il monitoraggio sono i radielli, che rivelano i valori medi e non i picchi, valutando così solo alcuni inquinanti considerati fondamentali dalla UE, ma purtroppo trascurandone la maggior parte. Ho proposto di stazionare un “monitoraggio fisso” per la qualità dell’aria, almeno nel centro cittadino, ma ovviamente dovremmo pensare a tutte le zone abitate. Inutile sottolineare quanto sia importante ed indispensabile che il monitoraggio avvenga in modo continuo e costante durante l’intero arco dell’anno (come richiesto dalla UE).
A parer mio bisognerebbe diffidare la Regione per le gravi inadempienze circa l’applicazione del Piano qualità dell’aria deliberato dalla Regione stessa nel 2007”.


“Chiederò – continua Caporale - un impegno economico per tutte le azioni in materia ambientale da individuare già nel bilancio di Previsione che approveremo a breve, per fare in modo che le azioni si trasformino in azioni concrete”.

 

“Inutile ripetere che avere risultati su monitoraggio fatto con i radielli non può essere preso per buono e dunque non possiamo dire che la Città di Lanciano gode di buona salute.
Lo studio del MNS non può essere preso come monitoraggio completo e non può essere una garanzia per la salute dei cittadini”.

Condividi su:

Seguici su Facebook