Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sevel: straordinari anche a giugno, e la Fiom chiede di riaprire la discussione

Si parla di aumento carichi di lavoro, ferie e nuove assunzioni

Condividi su:

ATESSA – Dopo la comunicazione di un nuovo blocco di straordinari all’interno dello stabilimento Sevel e previsto per il mese di giugno, la Fiom chiede di avviare una vera e propria discussione con l’azienda.

La notizia di altri cinque turni di lavoro straordinari va ad aggiungersi alle tante perplessità espresse dal sindacato in questi mesi sull’aumento dei carichi di lavoro, la riduzione delle pause, la cancellazione di tante postazioni a basso carico lavorativo e la riduzione del salario.

A questi si aggiunge la decisione dell’azienda di ridurre, anche quest’anno, i giorni di ferie nel mese di agosto dal 12 al 22 mentre le altre due settimane restanti potranno essere calendarizzate tra i mesi di giugno e ottobre. Decisione che ha lasciato il sindacato insoddisfatto “costringere le persone ad andare in ferie a giugno ed a ottobre significa rovinare la vita delle famiglie, da sempre abituate a riposare nel mese più caldo e maggiormente desiderato da tutti per le tradizioni del territorio, il mese di agosto”

La Fiom vuole comprendere quale sia la strategia messa in campo dall’azienda, considerando l’aumento dei carichi di lavoro e le condizioni che compromettono la salute degli stessi lavoratori, mai verificatesi prima nella fabbrica.

Mancano assunzioni,  - conclude il sindacato - manca l’equità sociale, manca il rispetto nei confronti di chi non ce la fa più. Alla Sevel chiediamo di aprire urgentemente un tavolo di discussione per pianificare urgentemente un percorso di assunzioni e di riduzione del sacrificio generale che ormai da tanto l’Azienda continua a chiedere in maniera ripetuta ed insistente”

 

                 

Condividi su:

Seguici su Facebook