Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Ultimo consiglio comunale per la giunta Pupillo

Tensioni tra maggioranza e opposizione su aumento Tari e azzeramento Tasi.

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

LANCIANO - Ultimo consiglio comunale per la giunta Pupillo, salvo ripensamenti, a tema tasse, questa mattina, sabato 30 aprile 2016. A scaldare gli animi dei consiglieri l’approvazione del piano finanziario e delle tariffe Tari (tributi servizio rifiuti) per l’anno 2016 e l’azzeramento delle aliquote della Tasi (tributo per i servizi indivisibili) per l’anno 2016, così come previsto dalla Legge di Stabilità 2016.

La Tari, nel 2016, vedrà un aumento del 2,98% “a causa delle nuove norme - chiarisce l’assessore alle finanze Valentino Di Campli - che richiedono l’inserimento di una quota prudenziale di crediti medi non riscossi all’interno dei costi dei rifiuti”.

Acceso il dibattito sulla questione Ecolan tra opposizione, che conferma dubbi e perplessità su metodi di affidamento della gestione rifiuti e sui costi sostenuti e da sostenere, ma non su Ecolan e differenziata, e maggioranza che rivendica un provvedimento che ritiene virtuoso ed indispensabile. La votazione ha visto 3 astenuti (D’Amico, Di Bucchianico e Alex Caporale), 3 contrari (Paolucci, D’Ovidio e D’Ortona) e 10 voti favorevoli dalla maggioranza.

Discorso complesso anche per la Tasi che, nei giorni scorsi, ha visto scontrarsi a mezzo social il sindaco Mario Pupillo ed il candidato sindaco della coalizione di centrodestra e consigliere di minoranza, Errico D’Amico. “Sono molto soddisfatto del lavoro svolto negli ultimi anni, - spiega Di Campli - anche se abbiamo sofferto molto per gli aumenti messi in atto, ma non potevamo fare diversamente”. Assessore Di Campli durante attaccato dal consigliere Alex Caporale a causa propri degli aumenti sui tributi che, a suo dire “hanno fatto soffrire le famiglie lancianesi, più di quanto non abbia sofferto l’assessore”.

Prende parola anche il consigliere D’Amico dopo gli attacchi subiti e rimarca: “grazie per le spiegazioni e per l’invito a studiare, ma so bene di cosa parlo ed è inutile nascondersi dietro tecnicismi se il succo resta sempre lo stesso: il Comune di Lanciano tassa i suoi cittadini molto più di quanto non facciano i Comuni limitrofi, Tasi zero oppure no”. Anche la Paolucci si mostra scettica e sottolinea come sia “impossibile siglare un appuntamento al buio come questo e non si tratta di demagogia ma sono i conti a parlare. Senza un bilancio di previsione o consuntivo a cosa dovremmo dire sì?”.

L’ultima votazione di questo consiglio comunale si conclude, quindi, con 8 astenuti e 12 favorevoli. Approvati entrambi i punti con i soli voti della maggioranza.

Redazione

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK