Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

EMF, l'associazione "Amici della Musica" chiude il bilancio in negativo: dove sono i fondi promessi dalla Regione?

Il 25 maggio, nonostante tutto, sarà presentata la stagione concertistica dell’Estate Musicale Frentana 2016.

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

LANCIANO - “Il 25 maggio 2016 sarà ufficialmente presentata la 45esima stagione concertistica e didattica dell’Estate Musicale Frentana ed entro quella data ci aspettiamo una risposta positiva dal presidente Luciano D’Alfonso che faccia seguito alla richiesta ufficiale da parte dell'Amministrazione Comunale e dell'Associazione circa l'assegnazione per il FURC regionale entro il 2016, di un contributo congruo alle sue attività e alla sua storia”. E’ quanto emerso dall’assemblea dei soci dell’associazione “Amici della Musica” - Fedele Fenaroli tenutasi ieri, giovedì 28 aprile, per l’annuale approvazione del bilancio.  

Quest’anno l’associazione chiude i conti con un buco di 27.273 euro, e una pesante situazione debitoria da affrontare, a causa dell’erogazione di finanziamenti alquanto risibili da parte della Regione Abruzzo per il 2014 ed il 2015. Una situazione denunciata dall’associazione con le dimissioni di inizio anno che, però, nonostante i proclami, non riesce ancora a vedere un finale positivo. 

La stagione 2016 è stata progettata e inviata al Ministero e così, garantita la continuità dell'attività didattica e artistica, come richiesto dalla città e il territorio. 

“L’associazione ed il Comune di Lanciano, - anche attraverso una mozione presentata in consiglio comunale, hanno ufficialmente chiesto al presidente D’Alfonso l’istituzione di una legge specifica, di un decreto o di un provvedimento sicuro e stabile nel tempo, che consenta la programmazione e che dia stabilità per non far morire l'istituzione di formazione orchestrale periodale più importante del nostro paese e 45 anni di storia, tradizione. Se questo non dovesse accadere, - concludono dall’associazione “Amici della Musica” - entro il 25 maggio prossimo, allora la politica dovrà prendersi la responsabilità delle sue - non - azioni”.

Redazione

Contatti

[email protected]

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK