Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'associazione italiana "Amici del presepio" ha una sua sede a Lanciano.

Esposti pregiati manufatti di arte presepiale

Condividi su:

 

Sabato 7 dicembre, l’Associazione Italiana ‘Amici del Presepio’ con sede a Lanciano, invita tutti a visitare la mostra permanente di arte presepiale presso la sede AIAP in via Garibaldi vico 44 n. 2, inaugurata nel dicembre del 2012. La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 6 gennaio 2014 e la si potrà visitare dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00. Durante l’anno è possibile visitarla di domenica o quando se ne fa richiesta. All’ingresso si possono ammirare delle statuette di Magi e di pastori di fine ottocento, inizi novecento. Anticamente, a Lanciano, le statuette venivano vendute davanti all’ingresso della chiesa di S. Lucia e molti li regalavano in dote ai novelli sposi. Tra i presepi esposti troviamo quelli che hanno la particolarità di essere definiti diorami, dove per diorama si intende un modello tridimensionale, in scala, della realtà. Chi realizza un presepio di questo genere si preoccupa di ideare una scena da costruire in prospettiva e da racchiudere in una cassa opportunamente dipinta. La prospettiva darà l’illusione di uno spazio più ampio e più profondo. Su una delle pareti della cassa viene fatta un’apertura che sarà chiusa con una lastra di vetro e che renderà possibile visionare il presepio in esso contenuto. Un diorama può essere visto da un solo lato, altrimenti si penalizzerebbe la sua giusta prospettiva. Nei diorami non viene rappresentato solo la nascita di Gesù ma anche episodi particolarmente significativi del Nuovo Testamento come, ad esempio, l’Annunciazione, la ricerca dell’alloggio, l’annuncio ai pastori, la visita dei Re Magi o la fuga in Egitto. L’augurio del dirigente dell’Associazione Giovanni Roselli è quello di poter realizzare in futuro anche una mostra di diorami di Pasqua, ovvero dei “Presepi della Passione”, che venivano costruiti fin dal 1400 in Germania, in Austria e in Italia, in particolar modo a Napoli dove erano noti con il nome di “Presepe di Pasqua o Sepolcro a personaggi”. Tali presepi narravano gli episodi più importanti della vita di Gesù, dalla nascita fino alla sua morte. Dopo la controriforma, il presepe natalizio prese il sopravvento su quello pasquale che fu relegato in alcune chiese e monasteri, soprattutto femminili. Se il progetto riuscirà ad avere il sostegno dell’amministrazione locale potrebbe costituire una tappa importante per il turismo religioso della città di Lanciano, prevedendo magari anche l’allestimento di scene della vita di Gesù in angoli suggestivi del centro storico della città. L’Associazione Italiana Amici del Presepio ha sede a Roma ed è stata fondata esattamente sessanta anni fa. Il suo scopo è mantenere viva la tradizione del presepio, studiandone i vari aspetti religiosi, storici, folcloristici e tecnici. L’attuale Assistente Ecclesiastico Nazionale dell’Associazione è Padre Giuseppe Cellucci, sacerdote missionario O.M.I., originario di Atessa. Quella di Lanciano rappresenta una delle decine di sezioni dislocate in tutta Italia che si preoccupano di organizzare corsi di tecnica presepistica, mostre, concorsi e conferenze. Tutti coloro che sono interessati possono visitare il sito web www.aiap-lanciano.it.      

Condividi su:

Seguici su Facebook