Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Scelta esclusivamente di natura aziendale e non riconducibile alla impossibilità di trovare personale"

Esternalizzazione Rsa del Gruppo Edos, l'intervento di Rucci (Cgil) e Di Felice (Uil)

Condividi su:

Da Giuseppe Rucci (segreteria provinciale Fp Cgil) e Camillo Di Felice (segreteria provinciale Uil Fpl) riceviamo e pubblichiamo una nota di precisazione relativamente alla vicenda del bando della Edos per l'affidamento delle Rsa gestite nel territorio della provincia di Chieti (clicca qui per la notizia).

Con la presente, in riferimento a quanto in oggetto, precisiamo quanto segue: 

la decisione di esternalizzare i servizi socio sanitari e socio assistenziali da parte del Gruppo Edos, riveste una scelta esclusivamente di natura aziendale e non è riconducibile alla impossibilità di trovare personale; 

tanto viene riportato nella comunicazione ufficiale inviata alle OO.SS. in data 14/09/2022; 

anzi, nella richiamata nota, in modo del tutto anomalo viene addirittura citato, nel percorso di consultazione, il richiamo alla L.223 del 1991 (esubero del personale); 

la salvaguardia di tutti i livelli occupazionali e la conservazione di tutti i Diritti per i lavoratori, sia essi economici che normativi, saranno il punto di partenza della trattativa sindacale che sono assolutamente indispensabili anche per garantire la continuità assistenziale. 

Questa vicenda, non isolata nel contesto territoriale, conferma la assoluta esigenza e urgenza, come più volte segnalato alla Regione Abruzzo, di affrontare il tema della Sanità Privata relativamente a : condizioni lavorative e organici (rapporto pazienti e operatori); CCNL applicati (una giungla !); rispetto degli standard di accreditamento. 

Naturalmente, anche questa operazione, che desta preoccupazione per tutti gli operatori che, ricordiamolo sempre, sono gli stessi che hanno dato un contributo importantissimo per la gestione della Pandemia, pagando un prezzo altissimo anche in termine di contagi, porta comunque al mantenimento dell’Accreditamento da parte del Gruppo Edos nel nostro territorio.

Condividi su:

Seguici su Facebook