Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Covid-19, medicina territoriale al lavoro per migliorare le cure a domicilio

L'iniziativa è dell'Ucat della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, l'Ufficio Coordinamento Attività Territoriali

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Medici del territorio al lavoro insieme per un confronto sul trattamento dei pazienti Covid-19 a domicilio e sui criteri di selezione per il trattamento con anticorpi monoclonali.

L’iniziativa è dell’Ucat della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, l’Ufficio Coordinamento Attività Territoriali, impegnato da tempo nella gestione integrata della pandemia a livello territoriale. Coordinato da Pasquale Falasca, responsabile epidemiologo della Asl, Francesco Ricci, infettivologo territoriale, e Mauro Petrucci, rappresentante dei medici di medicina generale, l’incontro ha visto la partecipazione di oltre 120 tra medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, medici Usca, del 118 e della continuità assistenziale che si sono ritrovati per aggiornare, sulla scorta dei dati epidemiologici aziendali e delle ultime evidenze cliniche, le linee guida per la gestione a domicilio dei malati Covid-19. Il percorso, per la verità, era stato già condiviso a inizio pandemia, ma si è reso opportuno un adeguamento alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica, utile anche a ridurre ulteriormente il numero dei ricoveri e rinsaldare la collaborazione tra medicina generale, Usca e infettivologo territoriale. 

Al fine di migliorare ulteriormente la gestione dei pazienti Covid-19 sul territorio è stato avviato uno studio epidemiologico osservazionale per la raccolta di informazioni cliniche in possesso di medici e pediatri finalizzato a valutare l’impatto delle pratiche terapeutiche domiciliari ai pazienti con sintomi di Covid-19 e in generale della gestione territoriale, oltre alle modalità di intervento delle Usca. Nella valutazione complessiva degli esiti della patologia è stato anche previsto il monitoraggio a lungo termine di quanti hanno contratto l’infezione per valutarne la comparsa di complicanze a distanza di tempo o un'eventuale cronicizzazione della malattia

Ai lavori ha preso parte anche il direttore sanitario aziendale Angelo Muraglia, con il quale sono state condivise le procedure per trattare con anticorpi monoclonali i malati Covid-19, che i medici di medicina generale avranno il compito di reclutare tra i loro pazienti trattati a domicilio. 

redazione

Contatti

[email protected]

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK