Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Concorso "Una domanda al Ministro Martina"

Invia il tuo video con la domanda entro il 10 novembre

Condividi su:

In occasione de "La notte dei ricercatori d'Abruzzo" in programma per il 14 novembre è stato avviato un concorso di idee “Una domanda al ministro Maurizio Martina”, che sarà presente in occasione del convegno. 

È stato chiesto ai giovani sotto i 40 anni di rivolgere al ministro Martina domande sul tema: Il futuro: quali opportunità per i giovani nei mestieri della terra?

Attraverso le domande rivolte al ministro, i giovani del territorio avranno la possibilità di partecipare attivamente al dibattito sviluppato nell’ambito della “Notte dei Ricercatori”, con particolare riferimento alle prospettive che li attendono per il futuro rispetto ai temi relativi alla “terra”: agricoltura, ambiente, energie rinnovabili, agroalimentare, ect.

Le domande dovranno essere preventivamente inviate, in modo che una commissione tecnica appositamente costituita potrà selezionare le 10 ritenute più interessanti e pertinenti rispetto al tema affrontato.

In particolare, entro il 10 novembre 2014, dovrà essere inviato un contributo video (il video potrà essere registrato attraverso qualunque smartphone), della durata massima di 90 secondi, all’indirizzo mail [email protected] In alternativa, il video potrà essere postato sulla bacheca della pagina Facebook della Notte dei Ricercatori Abruzzo (https://www.facebook.com/nottedeiricercatoriabruzzo.tree). Il video inizierà con la domanda da rivolgere al ministro e terminerà con una breve presentazione dell’autore della domanda (nome, età, provenienza, professione, interessi principali).

In occasione dell’evento del 14 novembre 2014, le domande che saranno selezionate potranno essere rivolte al ministro Martina attraverso 2 modalità: la presenza fisica all’evento, durante il quale sarà data la possibilità di fare la domanda direttamente; la proiezione del contributo video precedentemente inviato.

Condividi su:

Seguici su Facebook