Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Estate Musicale Frentana: dalla regione Abruzzo tutto tace

L'EMF, con le altre istituzioni di RCA - Rete Cultura Abruzzo lancia un appello al presidente D'Alfonso

| di Redazione
| Categoria: Associazioni
STAMPA

L’associazione “Amici della Musica” Fedele Fenaroli, insieme alle altre 14 istituzioni culturali di RCA Rete Cultura Abruzzo e attive da anni sull'intero territorio regionale, ha lanciato un appello al presidente della regione Abruzzo Luciano D'Alfonso affinché, con la ripresa dei lavori delle commissioni ed in vista del prossimo consiglio regionale, vengano prese urgentemente in esame le problematiche relative al finanziamento regionale delle attività 2015 degli organismi in questione.

Queste istituzioni, negli anni, hanno dimostrato negli anni, anche attraverso il riconoscimento ed il sostegno dello Stato attraverso il FUS (Fondo Nazionale per lo Spettacolo), gestioni sane dei propri bilanci, impiego di personale e di maestranze abruzzesi, valorizzazione dei giovani artisti.
 La rete RCA, costituita da enti di produzione e distribuzione di musica, teatro e danza, ricorda inoltre di aver avviato il coordinamento in rete delle proprie manifestazioni e dei cartelloni di stagioni artistiche che ad ottobre riprenderanno l'attività, calendarizzando nel solo anno solare 2015 oltre 900 spettacoli con un bilancio economico di circa 5 milioni di euro, di cui il 75% già finanziato da Ministero Mibact, comuni, sponsor ed incassi di botteghino.

Intanto, le attività collegate all’Estate Musicale Frentana continuano con la programmazione dei workshop, delle master class e dei seminari collegati ai Concerti del Parco.
Per quanto riguarda la questione economica, tutt'ora non ci sono risposte dalla regione che, dopo aver azzerato le leggi sulla cultura e non aver corrisposto il finanziamento 2014, non ancora fornisce nessun indirizzo di programmazione, alle 14 istituzioni riconosciute dal FUS che rischiano di perdere anche i finanziamenti nazionali, che per l’associazione Amici della Musica sono stati confermati con un taglio di 13.500 euro, per il prossimo triennio, grazie ad un riconosciuto lavoro di progettazione e programmazione formativa, distinguendosi, anche in questo caso, dalle 60 istituzioni nazionali che si viste azzerare il fondo.

L’Estate Musicale Frentana, quindi, è ancora in attesa delle decisioni regionali, ma anche di quelle da parte del comune che, oltre a dover ancora finanziare più del 50% del sostegno tradizionale, che viene riversato interamente sulla città e sul territorio per lo svolgimento delle attività concertistiche e didattiche, viene invitato ora più che mai, a progettare e rimodulare l'offerta culturale complessiva della città di Lanciano, con l'associazione "Amici della Musica" e l'offerta dell'Estate Musicale Frentana capofila e protagonista, come ente di tradizione e istituzione internazionale, didattica e concertistica.

Redazione

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK