Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Oggi si festeggia San Sebastiano, protettore dei vigili urbani

Condividi su:

San Sebastiano è uno dei martiri della Chiesa il cui culto è molto diffuso sin dall’antichità, patrono non solo della polizia municipale ma anche degli arcieri, il suo martirio è stato immortalato sulla tela dei più grandi pittori della modernità.

Il racconto sulla sua vita si intreccia tra narrazione storica e popolare, fu istruito sin da piccolo alla religione cristiana e arrivò a Roma dove diventò ufficiale dell’esercito dell’imperatore. Si racconta che addirittura, grazie alla sua posizione di cavaliere, cercò di aiutare i cristiani imprigionati.

Secondo la Passio Sancti Sebastiani, San Sebastiano faceva visita ogni giorno a due fratelli, Marco e Marcelliano, rinchiusi in cella e condannati a morte perché rifiutavano di rendere omaggio agli dei pagani. Un giorno, durante la visita del Santo, i loro volti improvvisamente si illuminarono di una luce miracolosa che colpì tutti i presenti facendo guarire dalla cecità anche la moglie del prefetto che li teneva imprigionati.

Da quel momento tutti conobbero le gesta del Santo e, quando anche l’imperatore Diocleziano venne a conoscenza dei fatti, lo condannò a morte. Denudato e legato ad un palo sul colle Palatino, i soldati trafissero il suo corpo con le frecce.

Secondo la tradizione, i soldati lo lasciarono convinti fosse morto, ma una donna lo prese e lo portò via per curarlo. San Sebastiano tornò al cospetto dell’imperatore per mostrare ancora la forza della sua fede, e Diocleziano indispettito ordinò ai suoi soldati di picchiarlo a morte.

Venne seppellito nella catacombe dove oggi sorge la Basilica di San Sebastiano.

Il nome Sebastiano proviene dal greco sebastos e significa “venerabile”, tanti auguri di buon onomastico ai nostri lettori.

 

Vuoi pubblicare i tuoi auguri per compleanni, nascite, matrimoni su www.lancianonews.net?
Registrati cliccando su questo link e inserisci autonomamente messaggio e foto.

Condividi su:

Seguici su Facebook