Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Mastrogiurato: alla riscoperta del passato medievale di Lanciano

La tradizione che si rinnova ogni anno a Lanciano

Condividi su:

LANCIANO - Ogni anno quando l’estate stenta e cedere il passo, tra la fine di agosto e gli inizi di settembre, le piazze ed i vicoli del nostro centro storico diventano protagonisti di un meraviglioso viaggio nel tempo: infatti tra bandiere, tamburini, cavalieri, dame e giullari si torna a respirare l’aria del Medioevo. Questa particolare (ed amata) età storica, etichettata per secoli dagli studiosi come l’epoca dei “secoli bui”, a Lanciano viene invece da sempre ricordata con una spettacolare, ma rigorosa rievocazione storica che ricorda una delle figure più particolari dell’antica storia cittadina: il Mastrogiurato.

Questa singolare carica venne introdotta nel 1304 dal sovrano Carlo d’Angiò con il compito di unire i poteri amministrativo e giudiziario nelle mani di una sola persona: il Mastrogiurato appunto, che veniva scelto tra i ceti più nobili grazie alle sue particolari qualità umane, per governare la città durante il periodo delle fiere. Lanciano era infatti conosciuta sin dall’epoca romana per la sua straordinaria vocazione commerciale e mercantile, garantita da una favorevole posizione geografica e dal ruolo primario che riuscì a ricoprire nell’ambito di quelle attività di scambio, che grazie alle sue fiere organizzate due volte l’anno (maggio-settembre) la mettevano in contatto con mercanti e culture provenienti non solo dall’Europa, ma addirittura dall’ Istria e dall’Oriente.

Il tradizionale corteo storico curato in maniera rigorosa dall’Associazione culturale “Il Mastrogiurato” nasce nel 1981 in seguito alle ricerche ed ai preziosi studi dello storico Corrado Marciani e dell’avvocato Luigi Russo che per primi ebbero l’idea, confermata poi dalle fonti storiche di far rivivere nel centro storico una straordinaria epoca di cui la città conserva ancora straordinarie testimonianze monumentali. Il momento più significativo dell’evento è rappresentato dalla cerimonia d’investitura del Mastrogiurato; oggi scelto tra i più insigni personaggi della società civile lancianese che al termine di un  particolare giuramento promette “in nome del popolo frentano” di sovraintendere con giustizia e fermezza al corretto svolgimento delle fiere.

Negli ultimi anni le rievocazione storica è diventata soltanto la naturale conclusione di una colorata e vivace “settimana medievale” che vede animare il quartiere di Lancianovecchia con giochi, spettacoli, convegni ed esibizioni resi possibili soprattutto grazie ai rapporti culturali stretti negli anni dall’associazione con tutte le altre realtà italiane ed europee facenti parte della “Federazione Europea Feste e Manifestazioni Storiche”: una sorta di lega che raggruppa le maggiori rappresentazioni storiche a livello europeo.

Per i lancianesi il Mastrogiurato è ormai diventato molto più di un semplice corteo: è la lampante dimostrazione di come la memoria affettiva  ancor più di quella storica possa rappresentare, anche a distanza di secoli, un patrimonio da conservare e tramandare gelosamente.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook