Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fossacesia: peggiora la frana, confermata l'ordinanza di sgombero delle abitazioni in Via Bonavia

Condividi su:

FOSSACESIA – Già dopo le nevicate, la situazione sembrava essere pericolosa per i cittadini e per gli abitanti di Via Bonavia, dopo i recenti ed urgenti sopralluoghi è stato infatti confermata dal Sindaco Enrico di Giuseppantonio l’ordinanza di sgombero delle abitazioni.

Geologi e Protezione Civile Regionale, insieme al sindaco, alla Polizia Municipale e al Responsabile dei Lavori Pubblici del Comune di Fossacesia Silvano Sgariglia, dopo i rilievi, hanno infatti registrato un significativo peggioramento a causa del distacco di grossi massi che hanno occupato anche la carreggiata della strada provinciale SP 81 Fossacesia – Rocca San Giovanni, oltre alla presenza di fenomeni di erosione a seguito delle piogge torrenziali degli ultimi giorni.

“La situazione è preoccupante – dichiara il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio – poiché il fenomeno erosivo è notevolmente peggiorato, mettendo a rischio sia le abitazioni che sono ubicate nell’area di Via Bonavia, sia i numerosi automobilisti che passano quotidianamente lungo la strada provinciale che collega Fossacesia a Rocca San Giovanni”.

Una situazione sottoposta all’attenzione del Governo Regionale anche nelle scorse settimane, il Comune aveva infatti presentato un progetto di contenimento della frana di 4.800.000,00 euro di cui, come affermato dal Comune di Fossacesia, potrebbe essere finanziato dalla Regione Abruzzo con un contributo parziale di 1100.000,00 euro: “La somma che la Regione vuole assegnarci è insufficiente per risolvere completamente la problematica della frana di Via Bonavia – spiega il primo cittadino, Enrico Di Giuseppantonio – e chiedo al Presidente Luciano D’Alfonso di voler finanziare l’intero progetto presentato dal Comune di Fossacesia al fine di mettere al sicuro un’area della città che, ad oggi, è assolutamente pericolosa”. 

Condividi su:

Seguici su Facebook