Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Torna “Donne in Jazz” 2012

Gli spettacoli di Assunta Menna & Fabrizia D’Ottavio, Ornella Vanoni, Simona Molinari & Mosca Jazz Band, Matt Bianco & Elizabeth Troy Antwi, dall’8 al 15 marzo, presso il Teatro Tosti di Ortona e il Marrucino di Chieti.

Condividi su:
Ortona – Prenderà il via ufficialmente l’8 marzo 2012 la dodicesima edizione del Festival Internazionale “Donne in Jazz” in occasione della Festa della Donna: un appuntamento tutto al femminile, capace di sedurre e rapire con momenti di musica avvolgenti ed appassionanti. La manifestazione aprirà i battenti giovedì, quando gli ambienti del Teatro Francesco Paolo Tosti di Ortona ospiteranno il progetto “Corpo e Anima” che vedrà sul palco la cantante Assunta Menna e la ginnasta olimpionica Fabrizia D’Ottavio per una “prima” d’eccezione. Proseguirà, poi, sempre ad Ortona il 9 marzo con le note esclusive del progetto INJAZZ di Ornella Vanoni, una grande artista attesa da anni e finalmente sul palco di Donne in Jazz, che replicherà il secondo concerto a Chieti presso lo storico Teatro Marrucino il 10 marzo. L’11 poi, sempre a Chieti, reduce dai successi dei singoli “Forse” ed “In cerca di Te”, arriverà la splendida Simona Molinari e la sua Mosca Jazz band per un gradito ritorno. Infine, il 15 marzo, si chiuderà l’evento ad Ortona con un appuntamento esclusivo grazie all’anteprima nazionale del Tour di Matt Bianco feat. Elizabeth Troy Antwi. Questa edizione rivolgerà un occhio di riguardo anche alle emergenze artistiche della regione, organizzando u’appendice chiamata “Opening Act” e rivolta a formazioni e soliste nell’ambito delle contaminazioni jazz. Ancora una volta un appuntamento esclusivo, da non perdere per gli amanti della buona musica, che potranno assistere e partecipare ad iniziative collaterali come: degustazioni di prodotti enogastronomici prima di ogni concerto, esposizioni e mostre artistiche dedicate alla donna ed installazioni che proietteranno i foyer dei teatri in un’altra dimensione.
Condividi su:

Seguici su Facebook