Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pista ciclabile a Olmo di Riccio, Verna (PL): "Lanciano punta su una mobilità moderna, sostenibile e attenta alla qualità della vita"

Redazione
Condividi su:

LANCIANO - “E’ su una mobilità moderna, sostenibile e attenta alla qualità della vita che si fonda il progetto della pista ciclabile a Olmo di Riccio, con la finalità di migliorare il nostro centro urbano e nella fattispecie di riammodernare e qualificare un intero quartiere”.
Giacinto Verna, consigliere di maggioranza della Giunta Pupillo ed esponente di Progetto Lanciano, interviene nel dibattito scaturito in questi giorni dalla decisione della giunta regionale di finanziare con 600mila euro la riqualificazione della zona di via del Mare a Lanciano; intervento che prevede, appunto, la realizzazione di una pista ciclabile.

In particolare, Verna vuole rassicurare i cittadini di Lanciano, rispetto alle perplessità emerse nei giorni scorsi, specie da parte dei commercianti della zona.

“Quello della mobilità – sottolinea l’esponente di Progetto Lanciano - è un tema decisivo, ma per essere efficace occorre che l’esigenza del muoversi in città vada ad incontrarsi con l’esigenza dei cittadini che sono sempre più attenti all’habitat in cui vivono. Questo ragionamento è ancor più valido in una stagione di evidente difficoltà di funzionamento delle attività economiche diffuse (commercio, artigianato, servizi, turismo, cultura). Nella nostra città – aggiunge Verna - stiamo puntando su un diverso dinamismo nella costruzione di programmi di riqualificazione urbana, formulando progetti di rilancio politico ed economico, prendendo esempio dalle principali città europee nelle quali si intercettano fondi, altrimenti non rintracciabili, sulla base della sostenibilità ambientale e presentando al contempo progetti seri e articolati per  provare a fare una grande opera di riqualificazione urbana”.

“Il successo è doppio – rimarca Verna - perché grazie ad una progettazione attenta alle esigenze e alle tantissime richieste della cittadinanza, accanto all’idea di mobilità sostenibile, siamo riusciti a coniugare anche l’idea della grande riqualificazione urbana”.          
La riqualificazione di via del Mare e del popoloso quartiere di Olmo Di Riccio, in questo senso, rappresenta un’opportunità per i commercianti, piuttosto che una fonte di preoccupazione, secondo il consigliere di Progetto Lanciano.

“In un periodo di forte crisi economica – sottolinea Verna - dove i trasferimenti statali sono ridotti al lumicino e i comuni sono in difficoltà economica anche per il ‘rappezzo’ di un pezzo di marciapiede, mettere in discussione seicentomila euro di Fondi Fas per le piste ciclabili, da noi intercettati e ottenuti, per la messa a norma della viabilità di un intero quartiere e per la sicurezza dei cittadini, è a dir poco sconcertante. Per questi motivi – fa notare l’esponente di maggioranza - trovo a dir poco capziosa la contrarietà di Italia Nostra Lanciano, che sta strumentalizzando ed enfatizzando i dubbi di alcuni commercianti sul senso unico in via del Mare, dicendo no alle premesse da me fatte e che dovrebbero essere nel dna della stessa associazione, minimizzando la mole e l’importanza degli interventi che si andranno a fare per la riqualificazione del quartiere intero”.

La realizzazione della pista ciclabile, infatti, porterebbe anche interventi relativi all’asfalto su via del Mare e via Panoramica, la messa a norma tutti i marciapiedi e della pubblica illuminazione, oltre che un ulteriore parcheggio di scambio in località variante Santa Giusta (zona rotonda) con un aumento considerevole dei parcheggi lungo tutto il tracciato.

A proposito del dibattito aperto in città, Verna conclude: “Bene il confronto che stiamo intrattenendo con quei cittadini e quei commercianti che vogliono misurarsi su questi temi e per spiegare loro gli interventi previsti nel progetto e attesi da anni, no a chi vuole rallentare e magari affossare una progettualità di  centro urbano e una idea di vivibilità moderna, solo per partito preso e perché abituato sempre a contestare e mai a costruire”.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook