Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

"Bloccate il progetto De Titta", lo chiedono con forza le associazioni

FAI, Italia Nostra, Nuovo Senso Civico, Ilaria Rambaldi Onlus e Polis Frentana si schierano contro l'ampliamento dell'istituto scolastico

| di Martina Luciani
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

LANCIANO - “Chiediamo che la somma stanziata venga utilizzata per mettere a norma la struttura già esistente del De Titta, buttare giù la scuola all’aperto e riqualificare lo spazio verde antistante”. E’ questa la proposta che, questa mattina, hanno avanzato FAI, Italia Nostra, Nuovo Senso Civico, Ilaria Rambaldi Onlus e Polis Frentana. Proposta lanciata per scongiurare l’ampliamento del De Titta annunciato dall’ormai ex presidente della provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio e dal sindaco Mario Pupillo, e che domani approderà in consiglio comunale.

“Ci sarà sensibilità domani tra i consiglieri comunali oppure approveranno tutto senza porsi domande?” si chiede il rappresentante di Italia Nostra, Pierluigi Vinciguerra.
“La soprintendenza ai beni archeologici - ha spiegato Domenico Maria Del Bello, per il FAI - ha dato il suo nulla osta, a patto che, attraverso gli scavi, non venga fuori qualche reperto storico”. I lavori, infatti, dato il luogo, rischierebbero di bloccarsi subito. “La legge prevede - ha detto ancora Del Bello - che in questi casi siano presenti un funzionario di zona e degli operatori e in caso di ritrovamenti, sarebbero necessarie anche le spese di documentazione. Tutto questo a carico dell’ente”. Per il FAI, oltre ai problemi di carattere economico, le emergenze sono sostanzialmente tre: il torrione, il vecchio convento di Santa Chiara e la salvaguardia del primo parco pubblico di Lanciano, risalente al 1480.

“Non è accettabile - ha proseguito Alessandro Lanci di Nuovo Senso Civico -  il discorso secondo cui i finanziamenti ci sono già e quindi bisogna approfittarne. Bisogna avere l’orgoglio e la forza di rifiutarli per questo scopo e pretendere di utilizzarli in maniera più virtuosa”.
“Con l’approvazione di questa ennesima colata di cemento - ha continuato Lanci - l’amministrazione comunale di Lanciano si renderebbe responsabile di un ulteriore deturpamento del centro storico, lasciando una ferita indelebile sulla bellezza della nostra città”.
“Non entriamo nel merito del progetto - ha voluto precisare l’architetto Vincenzo Giancristofaro - ma è la procedura che è sbagliata”. “Questa non vuole essere una battaglia politica o partitica - ha aggiunto il presidente della Pro Loco - e ci siamo uniti, tutti quanti, in modo trasversale, per impedire la costruzione di questo ecomostro”.

“Quella non è una zona edificabile - ha concluso l’avvocato Maria Grazia Piccinini - e lascia perplessi anche che, semmai si dovesse costruire questo nuovo edificio, il vecchio resterebbe ancora non a norma e i ragazzi continuerebbero a farci lezione”. “L’ampliamento - ha detto ancora la Piccinini - ricadrebbe direttamente sulle mura, su un terreno di riempimento, quanto sarebbe sicuro?”.

Molte le domande e le critiche mosse dalle associazioni verso il progetto. E tutti insieme, con forza, chiedono all’amministrazione comunale che non si vada avanti e che “con uno scatto d’orgoglio, si impedisca uno schiaffo simile al nostro patrimonio artistico, urbanistico e culturale”.

 

Martina Luciani

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK