Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

E' morto Luigi Del Bello, accusato dell'omicidio della moglie uccisa un anno fa a Guastameroli

L'uomo si è suicidato: probabilmente non ha retto alla condanna a 20 anni

La Redazione
Condividi su:
ORSOGNA. Si è tolto la vita gettandosi dal primo piano della casa di cura di Orsogna dove stava scontando i domiciliari, Luigi Del Bello, 81 anni, originario di Guastameroli, frazione di Frisa. L’uomo, accusato dell’omicidio della moglie, Emilia Tortella, 74 anni, nei giorni scorsi era stato condannato a 20 anni di reclusione. Il Pm, Rosaria Vecchi, aveva chiesto per lui una pena di 30 anni per l’aver agito con crudeltà e aver infierito con 10 coltellate, di cui una letale al cuore, sul corpo della donna disabile e costretta a letto a causa di una grave malattia. Il giudice Francesco Marino gli aveva tuttavia riconosciuto le attenuanti generiche condannandolo a 20 anni di reclusione da scontare nella casa di cura. Ma Del Bello si era sempre professato innocente. Il suo avvocato, Sandro Sala, aveva annunciato di voler ricorrere in appello. La causa del gesto estremo sarebbe dunque da ricondurre al fatto che Del Bello non avesse accettato la condanna. Quasi un anno fa, il 21 luglio scorso, sua moglie Emilia Tortella veniva rinvenuta morta nel suo letto. All’inizio, lo stesso Del Bello aveva sostenuto di essere stato aggredito da un rapinatore mascherato, ma la sua versione non aveva convinto gli inquirenti. A dicembre la svolta nelle indagini con l’accusa di omicidio volontario aggravato allo stesso Del Bello. Stamane l’uomo si è gettato da una finestra della casa di cura dopo essersi arrampicato su una sedia. Sul posto è intervenuta un’elioambulanza che lo ha trasportato d'urgenza nell’ospedale di Teramo dove tuttavia l’uomo è arrivato senza vita a causa dei numerosi e gravi traumi riportati. Sulla vicenda indagano ora i carabinieri della compagnia di Ortona.
Condividi su:

Seguici su Facebook