Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

"Forbici per tagliare", la nota del Sindaco Pupillo sugli effetti positivi dei tagli ai CDA

| Categoria: Attualità
STAMPA

Affida le sue dichiarazioni alla sua pagina Facebook Mario Pupillo, per condividere con i cittadini i risultati positivi arrivati dopo i cambiamenti nei consigli di amministrazione di numerosi enti tra cui Lancianofiera, ISI/SASI, Ecolan, che oggi possono vantare bilanci in attivo grazie ad una importante spending review.

Di seguito la nota integrale del Sindaco Mario Pupillo.

Forbici per tagliare: CDA dimagriti che oggi funzionano
TAGLI COL PASSATO, TAGLI NEI CDA, RISULTATI CONSEGUITI.

L’ Amministrazione che ho l'onore di condurre, da quando si è insediata, ha sempre cercato di mettere a norma tutti i contenziosi in essere e di chiudere le partite aperte che le precedenti amministrazioni si erano trascinate per anni senza mai affrontarle seriamente e con decisione.
Particolare attenzione all'interesse pubblico, alla disciplina del lavoro pubblico ed al funzionamento delle società partecipate che gestiscono soldi e servizi per il contribuente.

DISCARICA SERRE
Ieri si è concluso l’arbitrato con la Ecologica per la discarica di Serre. Abbiamo rifiutato lo scorso anno una proposta di transazione. Il motivo è stato chiaro. La massima trasparenza e avere dai giudici una risposta che ponesse fine al contenzioso e a polemiche e a volte  a sospetti, attraverso un giudizio definitivo e super partes.  Un secondo motivo è quello che la transazione ci avrebbe fatto acquisire di fatto le eventuali inadempienze delle precedenti amministrazioni nella progettazioni e procedure eseguite. I giudici hanno detto che la ecologica deve versare 700.000 euro al comune e riconoscere 80.000 euro di spese legali. Un risultato soddisfacente che ci ha dato ragione e ci aiuta a mettere in sicurezza la discarica di Serre. Certo occorreranno altri 700.000 euro per mettere a norma e in sicurezza la discarica  e questo è il frutto di errate gestioni e toccherà, purtroppo, a noi togliere le castagne dal fuoco e trovare i soldi.  Per tali motivi probabilmente manderemo la sentenza e la documentazione alla Corte dei Conti per valutare eventuali responsabilità in questi anni da parte delle precedenti amministrazioni.

FIERA
Parliamo  della Fiera di Lanciano. Da anni i  bilanci erano in negativo e mai il Comune ha versato un contributo alla Fiera. Ci siamo trovati a dover versare quattro anni di quota  mai presenti in bilancio; ovvero per l’amministrazione Paolini la Fiera, contabilmente  non è mai esistita. In sintesi la mia amministrazione ha dovuto versare in un sol colpo 100.000 euro, ovvero quattro anni di dimenticanze!...La presidenza dell’Avvocato Ferrante ha portato per due anni in attivo il Bilancio e in questo periodo si è proceduto alla  trasformazione giuridica  della Fiera riconfermandola polo fieristico d’Abruzzo. Si è quindi deciso di ridurre  il numero dei componenti  del cda da 11 a 5 membri e alle riduzioni delle spese di gestione. L’ultima Fiera dell’Agricoltura è stata veramente un successo e conferma la bontà della gestione.

ISI E FUSIONE ISI SASI
Il presidente dell’ISI Avv. Antonucci ha portato a termine prima il risanamento della ISI , società che per anni è stata in stallo senza mai convocare l’assemblea e deliberare i bilanci per 4 anni ed inoltre in contenzioso legale con la SASI.  L’Avvocato Antonucci ha riportato a norma bilanci e ha intrapreso il difficile percorso di unificare le due società che gestiscono l’acqua. Si parlava di scioglimento ISI o incorporazione ISI nella SASI o Viceversa. Alla fine si è scelta  la fusione con incorporazione della ISI nella SASI votata all’unanimità da tutti i sindaci di entrambi gli schieramenti. Un altro successo  della presidenza dell’avvocato  Antonucci, che fa parte degli uomini di fiducia della amministrazione, che  ha saputo mediare dopo tensioni iniziali che hanno provocato anche asprezze e polemiche.

ECOLAN
L’amministrazione comunale ha effettuato il cambio del Cda della Ecolan lo scorso anno, con grandi polemiche, in accordo con gli altri soci delle altre amministrazioni che hanno sostenuto e condiviso la linea. Il Cda è passato da cinque a tre componenti, due dei quali dirigenti comunali. Si è proceduto alla riduzione dei compensi dei revisori dei conti e riduzione consulenze e spese varie. Un’opera di spending review che il presidente Massimo Ranieri ha portato avanti e chiudendo il bilancio in positivo con 20.000 euro. Dopo un anno di sospensione dell’Attività del TMB (trattamento meccanico biologico) Ranieri è riuscito a strappare l’autorizzazione alla Regione che inopinatamente e improvvisamente il 29 dicembre 2012 ha sospeso l’attività(!?). Questo scherzetto è costato circa 600.000 euro di costi di smaltimento in più in quanto è stato necessario trasportare i rifiuti ad Aielli e poi a Casoni.  Da questo mese avremo una riduzione della tariffa di 15 euro circa a Tonnellata ma purtroppo la bella notizia è annullata dalla decisione della regione di togliere a Lanciano l’ecoristoro. In effetti Lanciano ha goduto di un contributo di 8/9 euro alla tonnellata conferiti in discarica  per ricompensare il comune della presenza della discarica nel proprio territorio. Un’altra tegola che non ci permetterà di abbassare la tassa sui rifiuti, come ci eravamo prefissi.

FARMACIE COMUNALI
Che dire dei 100.000 euro di stipendio annuali che per sette anni sono stati pagati al direttore amministrativo delle Farmacie comunali che tra l’altro era l’ex Sindaco dr Nicola Fosco? Un ruolo che abbiamo abolito e che è stato sempre ritenuto superfluo da quanto si è costituta l’azienda in quanto insito nei compiti del direttore di azienda svolto dal dirigente farmacista.
Altro esempio di spending review e di sperpero di danaro pubblico. L’assunzione si è verificata durante l’amministrazione Paolini.

PALAZZO 900
Dopo venti anni di contenzioso abbiamo acquisito il palazzo al patrimonio comunale destinandolo a uso pubblico e quindi evitando l’abbattimento previsto dalla lunghissima vicenda giudiziaria.  E’ ancora in corso azione legale di ricorso da parte del confinante che aveva sviluppato un azione di contrasto verso l’opera autorizzata dall’amministrazione Fosco. Un’altra brutta vicenda ereditata da noi che stiamo portando a soluzione grazie alla nostra avvocatura. Una tragedia per i proprietari che sono hanno dovuto abbandonare le loro case perdendo anni di sacrifici e risparmi.
Insomma la nostra amministrazione ha perseguito in questi anni sempre la ricerca di soluzioni per le varie problematiche e contenziosi accumulati in decenni di governo di centro destra ed ormai incancreniti. La PA è’ riuscita a risolvere tutti i contenziosi in essere recuperando trasparenza, efficienza e riducendo i costi di gestione in maniera evidente. Sono operazioni che non vengono avvertite dai cittadini che invece valutano  lo stato delle strade, la pulizia della città, la cura del verde, le opere materiali. Questa è la dura realtà. Siamo obbligati in poco tempo a mettere a norma antiincendio tutte le scuole di Lanciano con impegno di spesa di circa 700.000 euro. Il teatro Fenaroli ci è stato precluso dai Vigili del Fuoco per l’urgente messa a norma con impegno di spesa di 45.000 euro. Ma mi chiedo come mai nessuna struttura è a norma? In questi decenni che cosa è stato fatto dalle precedenti amministrazioni? Come mai coloro che non hanno fatto nulla per le scuole ora ci attaccano e ci additano come inadempienti? Cosa hanno fatto loro? Come mai solo adesso scattano i termini della norme e prescrizioni? Si rischia di non poter più effettuare gli spari delle feste di settembre per il pericolo di incendio. Per oltre cinquanta anni non è mai stato vietato nulla. La mia risposta è che tocca fare tutto a noi per una serie di circostanze malevolmente convergenti. Ma le faremo nonostante le ristrettezze economiche ma dobbiamo affrontare tutti questi problemi con poche risorse e con enti sovracomunali e altri apparati dello stato che ci obbligano a rispettare le norme in tempi strettissimi.
Noi abbiamo affrontato il problema, vedi Pala Masciangelo, Casa di Conversazione, Stadio Biondi  e tanti altri piccoli insoluti, sanando i crediti o provvedendo alla recessione dei contratti ove il locatario si è mostrato inadempiente senza fare sconti a nessuno. Intanto molte migliaia di euro non sono stati versati e li hanno cacciati i cittadini di Lanciano, senza accorgersene, per canoni ed utenze mai richiesti ai locatari (110.000 euro Pala-Masciangelo, 50.000 euro casa di conversazione, ecc.).

Il percorso di trasparenza e rispetto delle norme non ha risparmiato chi ha infranto le regole.
E saremo intransigenti per il dovere che abbiamo di fronte ai nostri cittadini.
Ringrazio dirigenti e dipendenti comunali che ci stanno affiancando in questo opera di risanamento tecnico organizzativo nell’ottica della trasparenza ed efficienza, senza risparmiarsi e con passione.

Spero che queste mie riflessioni possano far capire ai lancianesi le grandi difficoltà incontrate e la  volontà e tenacia impegnate nel risanamento amministrativo.
Siamo stati eletti non per dare pacche sulle spalle, strizzare l'occhio o garantire qualcosa a qualcuno ma per CAMBIARE.

Fra poco cominceranno le opere pubbliche che daranno la sensazione di concretezza parlando il linguaggio preferito e compreso dai cittadini.

Faremo anche questo.

Un carissimo saluto a tutti voi.

Il sindaco Mario Pupillo con affetto.

Lanciano 2 maggio 2014

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK