Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Rocca San Giovanni. Sindaco relatore sui piccoli comuni all'Assemblea nazionale Anci

Il primo cittadino è stato relatore nel dibattito dedicato ai piccoli comuni in rappresentanza dei borghi del Centro Italia

Condividi su:

In questi giorni si sta svolgendo a Bergamo la XXXIX Assemblea nazionale dell’Anci (Associazione Nazione Comuni Italia) dove il comune di Rocca San Giovanni sta partecipando con i propri rappresentanti.

Alla manifestazione sono presenti il sindaco, Fabio Caravaggio, gli assessori Erminio Verì e Carmelita Caravaggio, il presidente del consiglio comunale, Alessandro Romano e il consiglieri Pio Bozzelli.

Ieri il primo cittadino è intervenuto, come relatore e in rappresentanza dei piccoli comuni del Centro Italia, al dibattito “Piccoli Comuni: tra opportunità e sfide”.  “È stato emozionante per me aver rappresentato, ieri pomeriggio, i piccoli comuni del Centro Italia, accanto a tre realtà del Nord ed una del Sud – ha commentato il sindaco –. Come ente, coadiuvati dal team manager Anci Massimo Staniscia, abbiamo deciso di cogliere al volo l’opportunità data dall’iniziativa, applicandola al settore dei tributi”.

Nel convegno è stato illustrato il nuovo Progetto P.I.C.C.O.L.I., promosso dall’Anci e rivolto ai comuni con meno di 5 mila abitanti, che ha l’obiettivo di rafforzare la gestione amministrativa degli enti con interventi di formazione ed affiancamento. 

“È un’idea davvero interessante attraverso la quale avviamo fattivamente l'internalizzazione del servizio di accertamento tributario. – ha spiegato il sindaco Caravaggio  Sarà un nuovo metodo di lavoro che sostituirà l’intervento di soggetti esterni di riscossione, alleggerendo la spesa che il Comune attualmente sostiene per l’esternalizzazione del servizio e offrendo la possibilità al contribuente di avere un dialogo diretto e costante con l’ufficio comunale”.

“In questo modo – ha concluso  Fabio Caravaggio – il Comune spenderà decisamente meno e il contribuente sarà avvantaggiato, perché saprà quanto e quando pagare, limitando al massimo future cartelle esattoriali. Non solo, con questo modo di operare invoglieremo i cittadini ad attuare un comportamento fiscale corretto, con un’azione non vessatoria ma assolutamente collaborativa”.

Gli enti verranno supportati con interventi di formazione ed affiancamento, tra cui: tutorial, webinar, focus group tematici, affiancamento specialistico, community di scambio e circolazione delle informazioni.

Condividi su:

Seguici su Facebook