Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Davide Nanni è lo chef abruzzese che è entrato al programma di Antonella Clerici

Durante il programma di “E’ sempre mezzogiorno” preparerà ricette tradizionali della nostra regione rivisitate. La prima ricetta proposta è quella delle Pallotte cacio e ova

Redazione
Condividi su:

Davide Nanni è il giovane chef abruzzese, nello specifico di Castrovalva (L’Aquila), il piccolissimo borgo di appena 11 abitanti, che è entrato nello staff di “È sempre mezzogiorno, il programma di cucina di Rai 1 condotto da Antonella Clerici giunto alla terza edizione. 

Si definisce “J so wild”, a metà tra l’americano e il dialetto di Anversa degli Abruzzi. Con questa espressione si racchiude la filosofia di vita del giovane e vulcanico chef abruzzese Davide Nanni, che, a soli 30 anni, dalla sua Castrovalva è diventato una vera e propria star del web ai fornelli tanto da conquistare l’attenzione della conduttrice dopo il grande successo raggiunto sui social network con le sue videoricette realizzate in mezzo ai boschi.

La storia di Davide Nanni è fatta di amore e passione per la cucina e la terra, la sua terra Castrovalva, un piccolo borgo tipicamente abruzzese che domina la Valle Sagittario, vicino Anversa degli Abruzzi, dove lavora nell’agriturismo di famiglia “Locanda Nido d’aquila” e dove ha portato la sua filosofia di vita “selvaggia”, ma con stile. Nella sua cucina si trovano i piatti tipici della tradizione abruzzese come l’agnello cacio e ova o le classiche pallotte cacio e ove, rivisitati in chiave molecolare o moderna: la pallotta prende la forma di un gelatino, il sugo una salsa agrodolce, mentre l’agnello viene servito a bocconcini su una frisa pugliese e aria di limone. 

Durante il programma, preparerà ricette abruzzesi rivisitate in chiave personale e racconterà le bellezze della nostra regione nella splendida scenografia del bosco di Antonella Clerici.

“Volevo ringraziare Antonella Clerici”, commenta Davide Nanni, sulla sua pagina Facebook, “per la sua professionalità e per l'accoglienza stupenda. Vedendo quanto fossi teso mi ha fatto chiamare per raggiungerla nel suo camerino, abbiamo parlato come fosse mia madre.

Grazie mille e grazie anche a tutti i ragazzi della redazione che mi sono stati accanto prima, durante e dopo.”

Per rivedere la ricetta: https://taplink.cc/chefdavidenanni

 

Condividi su:

Seguici su Facebook