Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Integrare il proprio stipendio da programmatore con la creazione di temi e template per siti web

Condividi su:

Inutile girarci troppo attorno: uno degli aspetti che più attirano e ingolosiscono le persone che si avvicinano al mondo dello sviluppo software è quello riguardante le possibilità di guadagno, una volta che si è riusciti ad entrare stabilmente all’interno di un team di lavoro, magari di una grande azienda specializzata. Lo stipendio da programmatore, anche per le posizioni entry level, è davvero interessante, soprattutto in determinate nicchie per le quali è richiesta una preparazione più avanzata. In Italia i livelli salariali sono ancora decisamente più bassi rispetto agli States e ad alcuni paesi del nord europa come la Svizzera e la Norvegia, ma in ogni caso, anche un aspirante coder fresco di studi, se ha la fortuna e le capacità di attirare l’attenzione dei selezionatori, avrà diritto a un buonissimo trattamento economico con grossi margini di crescita. La base di tutto però resta la preparazione, ed è per questo che è meglio scegliere dei corsi specialistici di livello proprio come quelli offerti da Aulab, una PMI italiana che attraverso i suoi percorsi didattici si prefigge di formare i futuri operatori del settore, attraverso delle vere e proprie full immersion che hanno il pregio di dotare gli studenti del bagaglio tecnico necessario per affrontare le sfide della programmazione, in tempi ragionevolmente brevi. 
Oltre allo stipendio, chi ha delle skill di design può arrotondare attraverso la creazione di temi e template per siti web, ricercatissimi per chi desidera aumentare il livello di personalizzazione durante l’utilizzo di piattaforme come wordpress

Wordpress: il mercato di riferimento per temi e template

WordPress è una piattaforma software che consente la creazione e distribuzione di un sito Internet formato da contenuti testuali o multimediali, gestibili ed aggiornabili in maniera dinamica. Il suo punto forte è la possibilità di personalizzare il proprio prodotto finale, ed è per questo che, al contrario di quello che succede con siti dotati di ecosistemi forti e completi a livello di temi, sono proprio gli utenti che usano questo strumento a ricercare soluzioni a pagamento per rendere il sito più originale e meno dozzinale.  

Dove vendere i propri lavori

Due dei marketplace più conosciuti sono TemplateMonster e ThemeForest, ma ovviamente ce ne sono tanti altri. Il loro servizio permette di dare visibilità al prodotto ed è organizzato per gestire tutti i passaggi dell’eventuale vendita, compreso quello del pagamento. Ovviamente questo comporta che una parte del guadagno finale andrà a finire nelle loro tasche, ma si tratta di un male minore visto che in caso contrario le proprie creazioni difficilmente verrebbero trovate dagli utenti interessati. 
temi premium possono arrivare a costare sino ai 70 dollari, e i margini di guadagno, nel caso in cui il prodotto diventi di successo, sono quindi molto interessanti. Il bello dei temi e dei template è che si tratta di lavori che una volta creati possono essere venduti all’infinito, con eventuali semplici implementazioni.

Una concorrenza spietata

Sin qui il tutto pare decisamente allettante, ma come spesso succede, le cose belle e promettenti sono accompagnate da aspetti negativi. In questo caso ci stiamo riferendo all’enorme concorrenza esistente in questa nicchia di mercato. Questo comporta che il proprio lavoro, anche se di altissimo livello e meritevole di attenzione, corre il rischio di perdersi nel mare dei temi presenti nei marketplace - sia premium che free - e di non generare quindi guadagni degni di nota. Farsi notare non è semplice ma neppure impossibile. Prima di tutto bisognerà evitare di creare prodotti generici che assomiglino a varianti scaricabili gratuitamente. Lo studio dei vari segmenti del mercato è necessario, è creare qualcosa di unico può essere la mossa vincente. Infine, occorre essere creativi anche a livello di marketing, optando anche per piccolo investimenti in strumenti promozionali a pagamento che, a fronte di una piccola spesa, hanno il pregio di produrre subito dei risultati. 

Condividi su:

Seguici su Facebook