Partecipa a Lanciano News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Nell’Ho.Re.Ca. sono in aumento le offerte di lavoro per cameriere

Archiviata la crisi dello scorso anno, generata dall’emergenza pandemica, l’industria della ristorazione è tornata a crescere e a offrire nuove e interessanti opportunità di impiego

Condividi su:

Quella del cameriere – o della cameriera ­– rimane una delle professioni preferite dai giovani alle prese con le prime esperienze di lavoro e dagli studenti che cercano di ripagarsi le spese dell’università, specialmente se fuori sede. Accogliere i clienti all’interno del locale, prendere le ordinazioni e servire ai tavoli sono solo alcune delle mansioni richieste per lavorare come cameriere.

Man mano che si acquisisce esperienza nel settore, infatti, le responsabilità possono aumentare. I camerieri più esperti e motivati hanno quindi l’opportunità di crescere da un punto di vista personale e professionale, di fare carriera e di ambire di conseguenza a uno stipendio via via più elevato.

Si sbaglierebbe, dunque, a guardare al mestiere del cameriere come a una professione di serie B, a cui dedicarsi esclusivamente per un periodo di tempo limitato. Specialmente in un periodo come quello attuale, in cui i professionisti del mondo della ristorazione sono sempre più richiesti e ricercati.

Sfogliando i siti di annunci di lavoro come camerieri.it – vero e proprio punto di riferimento per le aziende e i professionisti del settore – si noterà che le offerte di lavoro per cameriere, ma anche per cuoco, sommelier, pasticcere e simili non mancano. L’industria dell’Ho.Re.Ca., superato lo shock pandemico, sta infatti tornando a generare ricavi pressoché sovrapponibili a quelli del periodo pre-Covid.

L’aumento della domanda si traduce quindi in un’occasione da cogliere sia per chi si avvicina per la prima volta all’ambito professionale della ristorazione, sia per chi già ci lavora da tempo. Sfidante e impegnativo, il mestiere del cameriere richiede impegno, dedizione e grande flessibilità. Molto spesso si dovrà lavorare su turni che nella maggior parte dei casi includeranno le sere e i weekend. Lo stipendio base varierà a seconda del livello di inquadramento e della tipologia di locale presso cui si presta servizio (non è un mistero che i ristoranti più blasonati garantiscano salari più elevati, a fronte della richiesta di maggiore esperienza e competenze).

Un cameriere apprendista potrà guadagnare dai 500 agli 800 euro netti al mese. Chi vanta invece una discreta esperienza può percepire uno stipendio medio mensile di 1200/1300 euro. Con l’aumentare del livello di inquadramento e delle responsabilità lo stipendio può infine salire fino 1800 o anche 2000 euro al mese.

Condividi su:

Seguici su Facebook