Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Ricetta del giorno: la Cicerchiata abruzzese

Dolce tipico del carnevale...

| di Isabella Previti
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Oggi proponiamo la ricetta della "Cicerchiata abruzzese", un dolce tipico del carnevale, che è un vero patrimonio culturale e in Abruzzo, Marche e Molise è riconosciuto come alimento PAT (prodotto agroalimentare tipico).

In Campania, vi è un dolce simile che è chiamato Struffoli,  ma  che vengono preparati durante le festività natalizie.

Una delle ipotesi sulle origini della Cicerchiata, è che sia nata in Abruzzo, con il suo miele di ottima qualità...

Altre ipotesi attribuiscono alle Marche o all'Umbria, le sue origini.

Ma per l' Atlante dei prodotti tradizionali abruzzesi (ARSSA-Regione Abruzzo 2004), la sua origine sarebbe da ricercarsi in Abruzzo, nell' area del Sangro, dove vi è un gran sviluppo dell'apicoltura, che nel passato, come ai giorni nostri, metteva e mette a disposizione un miele di alta qualità.

L'origine del nome, in queste zone, è da attribuirsi alle parole dialettali, utilizzate per le forme a cerchio, oltre ad uno strumento musicale che, ad esempio viene chiamato vatta-cicerchie ( batti-cerchio ).

Il termine Cicerchiata, ha origini nel medioevo, da come sembra rimanda alla Cicerchia, un legume molto coltivato in Asia, Africa e in alcune regioni italiane, tra cui l'Abruzzo.

Cicerchiata significa, infatti : mucchietto di cicerchie...

Si narra, che sia di buon auspicio, mangiarne e che come le lenticchie a capodanno, consumarne a carnevale, porti fortuna abbondanza e prosperità...

A questo punto, andiamo a vedere come si prepara!!

 

                               --Ingredienti--

 

Per6/8 persone:

2 uova

200 gr.di farina

4 cucchiai di olio extravergine di oliva

4 cucchiai di zucchero semolato

scorza grattugiata di un arancia

10-20 gr. di succo di arancia

olio di semi di arachidi q.b.

200 gr. di miele

zuccherini colorati

qualche pezzetto di arancia candita ( facoltativo )

50 gr.di mandorle pelate

 

                           ---Procedimento---

 

Su una spianatoia, versare la farina a fontana, inserire al centro le uova, lo zucchero e l'olio extravergine di oliva.

Impastare velocemente, fino ad avere un panetto liscio e

compatto.

Lasciare riposare per 30 minuti, poi ricavare dei bastoncini di circa un centimetro di diametro, tagliarli a pezzettini lunghi un centimetro e passarli tra le mani per ottenere,dei piccoli gnocchetti.

Friggere le palline in abbondante olio di semi e lasciare asciugare su carta assorbente.

Fare sciogliere il miele a fiamma bassa, aggiungendo un po' di succo di arancia.

Dopo circa 5 minuti, unire le scorzette d' arancia candita e le mandorle pelate.

Mescolare bene.

Per ultimo, adagiare le palline su un piatto da portata, dando la forma di una corona e completare con gli zuccherini colorati.

 

Isabella Previti

Contatti

[email protected]

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK