Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Incontro con Giulia Madonna, autrice del romanzo Amata Tela

L'associazione SPS6212 organizza la rassegna "Incontri d'autore"

| di Francesca Colacioppo
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Un’occasione per confrontarsi con artisti rappresentanti delle diverse "arti"; è questo l’intento della rassegna “Incontri d’autore” organizzata dall’associazione fotografica SPS6212 e inaugurata ieri sera, presso lo studio fotografico di Roberto Colacioppo.

Per il primo appuntamento è stato presentato il nuovo romanzo Amata Tela della scrittrice Giulia Madonna, autrice pescarese al suo secondo impegno letterario. Dopo aver ottenuto ottimi riscontri nei diversi social e aver collezionato eccellenti recensioni fra i diversi blog di genere, ha dato inizio ai suoi "appuntamenti" con i lettori e per la prima volta approda a Lanciano, dopo aver fatto tappa a Vasto, Pescara, Silvi. "Ho scritto sempre, lo facevo per esorcizzare le mie paure" così ci racconta la scrittrice che ha affidato l'introduzione e la presentazione del libro ad un'altra autrice, questa volta frentana, Lucia Di Nardo.

La chiacchierata letteraria ha dato libero sfogo ad un’intensa e travolgente interpretazione del romanzo e dei suoi protagonisti, visitati con minuziosa e puntuale cura dalla Di Nardo, che, con grande competenza ha stuzzicato durante tutta la serata la divertita scrittrice. “Amata Tela nasce e prende spunto dalla realtà ma poi, nello scrivere tutto è diventato diverso da come l’avevo immaginato” così Giulia Madonna racconta la genesi dei suoi lavori mostrandosi un’inconsapevole complice dei suoi protagonisti che quasi sembrano aver preso il sopravvento a tal punto che, come sottolinea la relatrice Di Nardo, “l’autore giustifica sempre i suoi personaggi”.

Amata Tela è un racconto che coniuga perfettamente amore e arte, che intreccia le vite dei personaggi tutti indistintamente collegati dal fil rouge della passione, dando ampio respiro ad un’indagine psicologica che spinge e sprona le azioni dei protagonisti. Dopo aver ottenuto già due importanti riconoscimenti con il suo primo libro, La stanza vuota, la scrittrice, giunta ad una più consapevole maturazione letteraria spera ora di ottenere lo stesso seguito con l’ultimo romanzo in via di pubblicazione. La serata si è conclusa tra gli applausi e l’ interesse suscitato negli spettatori, ancora assorti nelle dinamiche della storia e travolti dalla curiosità di leggerne la fine.

Francesca Colacioppo

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK