Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Rigamonti stregato per la Virtus Lanciano

Finisce 2-1 per il Brescia

| di Giampiero Cancelli
| Categoria: Sport | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

La Virtus Lanciano ha maturato la 4a sconfitta stagionale contro il Brescia di Boscaglia al “Rigamonti”. La gara è stata arbitrata dal signor Minelli coadiuvato dagli assistenti Citro, Fiore e dal 4° uomo Amabile.

I rossoneri orfani di Bacinovic e di Aquilanti, entrambi infortunati, hanno messo in campo Di Matteo e Rigione.

PRIMO TEMPO: al fischio d'inizio parte subito bene il Brescia che sfrutta uno svarione difensivo degli ospiti e Geijo che con un violento sinistro impegna subito il portiere rossonero Aridità, ma al 3° è ancora Brescia che si fa vedere con Rosso su sponda di Geijo ma il tiro finisce fuori. Al 5° Ferrari prova a lanciarsi a rete ma viene pescato in offside. Minuto 12° ZE' Eduardo controlla di petto e calcia al volo dentro l'area bresciana ma l'estremo difensore bresciano Martinelli para. Una Virtus Lanciano molto raggiante che ha giocato a viso aperto e senza paura quella che si è vista al “Rigamonti”, infatti al minuto 33° Luca Di Matteo porta in vantaggio i rossoneri su assist di Nicola Ferrari. Poco prima del riposo risponde Morosini che guadagna un corner dall'out di destra ma Aridità blocca. Concessi 2 minuti di recupero. Al minuto 42°, sul finire della prima frazione viene concesso un rigore ai padroni di casa trasformato da Geijo. Si va al riposo sul risultato di 1 – 1.

SECONDO TEMPO: parte subito bene la Virtus Lanciano con ZE' Eduardo fermato con un brutto intervento da dietro da parte di Martinelli poi ammonito, poco dopo è il solito Geijo che carica il destro poi respinto. La gara del Rigamonti cambia decisamente volto quando al minuto 13° della ripresa, su un fallo di Pucino, Minelli concede il rigore del vantaggio dei padroni di casa trasformato dal solito Geijo. Sventola il cartellino rosso per il capitano rossonero Carlo Mammarella a seguito di proteste, stesso trattamento anche per l'allenatore D'Aversa. Tarozzi mette in campo Guido Marilungo al posto di Paghera ma non basta a risolvere la gara, poco prima del fischio finale è ancora la squadra di casa a farsi avanti con Martinelli  ma Aridità blocca. Finisce 2 – 1, il Rigamonti resta tabù per la Virtus Lanciano.

Giampiero Cancelli

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK