Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

A Treglio vincono la tradizione e il vino novello

Il pubblico premia la ventesima edizione di Borgo Rurale

| di Ufficio stampa Borgo Rurale
| Categoria: Enogastronomia | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Si è conclusa ieri sera con uno straordinario successo la ventesima edizione di “Borgo Rurale” a Treglio (Ch). La festa del vino novello, castagne e olio nuovo ha visto la numerosa partecipazione di visitatori provenienti non solo da Abruzzo ma anche da Marche, Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Molise, Puglia e Campania che hanno soggiornato l’intero weekend nel borgo e nelle aree camper appositamente allestite.

“Non possiamo che essere estremamente soddisfatti – dichiara Francesco Conserva, presidente della Pro loco – tutto il lavoro di preparazione e organizzazione dell’evento è stato ampiamente ripagato dalla numerosa presenza di pubblico che è stata oltre ogni aspettativa”. “E’ doveroso da parte mia – aggiunge – ringraziare tutti quanti hanno collaborato e contribuito all’organizzazione di questa splendida manifestazione che ormai è divenuta uno dei tratti caratterizzanti del borgo di Treglio”.

E sono stati tanti e illustri anche gli ospiti istituzionali di Borgo Rurale 2017: oltre ai sindaci del comprensorio, hanno partecipato al taglio del nastro il senatore Antonio Razzi, l’assessore regionale Silvio Paolucci e il consigliere regionale Camillo D’Alessandro.

Un’edizione sicuramente ricca durante la quale le venti postazioni dedicate ai piatti tipici del territorio e le undici del vino sono state prese letteralmente d’assalto sia nella serata di sabato che in quella di domenica.

Pasta con fagioli, pancetta e zafferano, pennette ceci e baccalà, pizze e foje, maccarune a la trappitare, pancetta alla brace, arrosticini, frittata con salsicce, cif e ciaf, pizza fritta, pizza scima, pallotte cace e ove, castagne e ceci, crispelle e pizzelle: queste le delizie gastronomiche del borgo che sono state accompagnate da vino novello e Montepulciano delle cantine Spinelli, Miglianico, Citra e Casal Thaulero, Madonna dei Miracoli, Eredi Legonziano e Colle Moro.

Tanti i balli e i canti sulle note della musica del borgo, ovvero dodici gruppi musicali, sei per serata, che si sono esibiti in piazza S. Giorgio e nei vicoli del paese.

“Tante famiglie e tanti ragazzi hanno ancora una volta dato fiducia alla nostra iniziativa – conclude il presidente Conserva – Borgo Rurale dà senza ombra di dubbio appuntamento al 2018!”

Ufficio stampa Borgo Rurale

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK