Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Insigne e Verratti, da Pescara alla Nazionale

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Era l’anno calcistico 2011-12 quando in quel di Pescara, capoluogo abruzzese politico e calcistico, si allineavano i pianeti e una serie di fenomeni si incontravano nella squadra locale. Il presidente Daniele Sebastiani aveva deciso di mettere a punto una squadra capace di poter finalmente aspirare a qualcosa di grande, ossia la promozione in Serie A. Per farlo, oltre al tecnico Zdenek Zeman, un guru del calcio offensivo e già protagonista di grandi promozioni nella massima serie, tra tutte quella con il Foggia di esattamente 20 anni prima, il massimo responsabile della società abruzzese aveva puntato su tre giovani di talento: Marco Verratti, Lorenzo Insigne e Ciro Immobile. Quella squadra sarebbe stata l'orgoglio del presidente, sia per il gioco espresso, per molti spettacolare come non mai, sia per il grande risultato ottenuto della vittoria del campionato di Serie B. Il tutto a suon di goal e prestazioni strepitose nelle quali i tre giovani italiani, i quali all'epoca insieme superavano di poco i 60 anni, furono i grandi protagonisti. Di quel gran Pescara è rimasto il ricordo in città, eppure due dei componenti del triangolo magico stanno facendo anche la storia della nazionale italiana di adesso. Parliamo di Verratti e Insigne, che l'anno scorso si sono anche sfidati per la prima volta in campo internazionale negli scontri di Champions League tra Paris Saint Germain e Napoli.

Sia il piccolo folletto pescarese sia l'altrettanto piccolo fantasista napoletano rappresentano il successo di quel Pescara e sono tra i grandi protagonisti del nuovo ciclo azzurro di Roberto Mancini. La squadra italiana è una delle outsider più quotate nel prossimo Euro 2020, come ben indicano le principali scommesse in Italia riguardo questa competizione, e in parte lo è grazie all'apporto dei due ex pescaresi. Mentre Immobile sembra, almeno per ora, fuori dal giro della nazionale, Verratti e Insigne stanno provando a far del loro meglio e già nella vittoria contro la Bosnia hanno dimostrato il proprio valore con un goal a testa. Se il regista del Paris Saint Germain è uno dei cervelli del centrocampo di Mancini insieme a Jorginho, Insigne è una delle principali alternative offensiva a disposizione dell'ex tecnico dell'Inter, che punterà molto su di lui e Federico Chiesa, le due ali sulle quali proverà a far volare il 4-3-3, il suo schema preferito. Stiamo parlando dello stesso modulo utilizzato da Zeman in quel di Pescara nella stagione 2011-12, quando i due campioncini di oggi erano ancora solamente un progetto di giocatori di alto livello.

Adesso che manca meno di un anno all'Euro 2020, la prima competizione itinerante per selezioni nazionali, tutta Pescara guarda con fierezza ai suoi due ex giocatori. Verratti, pescarese di nascita, è senza dubbio l'osservato speciale, sebbene anche Insigne sia ancora molto amato presso lo stadio Adriatico, dove il napoletano visse una delle sue migliori stagioni prima di vestire l'azzurro della sua squadra di sempre. Da Pescara alla nazionale il passo è stato breve: Verratti e Insigne vogliono continuare a fare la storia.

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK