Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Emergenza cinghiali: "Il problema va risolto a Roma"

Mozioni, firme, appelli e comunicati stampa non servono a nulla...

| di Nicola D'Adamo
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Cinghiali: non se ne può più, ma nessuno va al cuore del problema.

Il dibattito è nazionale. Molti esperti dicono che allungando la stagione venatoria di qualche mese tutti capi in sovrannumero vengono abbattuti. E per fare questo bisogna cambiare la legge nazionale che tuttora fissa i periodi di caccia al cinghiale in soli tre mesi all'anno. Infatti la legge 157/92 all' art. 18 comma 1 lettera d) individua i tempi massimi per la caccia al cinghiale: "dal 1° ottobre al 31 dicembre o dal 1° novembre al 31 gennaio". 

La gente è stufa dei danni all'agricoltura e degli incidenti stradali provocati dai cinghialiMa mozioni, firme, appelli, comunicati stampa, non servono a nulla.

Il problema si può risolvere a Roma operando su due fronti. Primo, i presidenti delle Regioni (il problema è nazionale) tramite il ministro per gli Affari Regionali devono far sedere attorno ad un tavolo i ministri dell'Ambiente, dell'Agricoltura e dei Trasporti e far fare in Parlamento una "modifica di un rigo" alla legge esistente a livello nazionale per allungare il periodo della caccia al cinghiale. Secondo, anche i parlamentari abruzzesi devono attivarsi a Roma per seguire l'iter della modifica alla legge. E' così difficile? 

Nicola D'Adamo

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK