Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

L’Aquila, 6 aprile 2009: 7 anni dopo il cuore dell’Abruzzo è ancora fermo lì

| di Martina Luciani
| Categoria: Attualità
STAMPA

Sono trascorsi 7 anni da quella terribile notte quando alle 3.32 il cuore dell’Abruzzo si è fermato a L’Aquila insieme alle 309 vittime rimaste imprigionate sotto le macerie di quel terribile terremoto. Una notte in cui si sono rincorse telefonate e paure, per i tanti amici che a L’Aquila vivevano, studiavano, alla ricerca di una normale vita universitaria e per cui in una notte tutto è cambiato.

Un terremoto devastante, nella notte della Domenica delle Palme, ha trasformato la Settimana Santa lancianese in una vera gara di solidarietà in cui centinaia di ragazzi si sono ritrovati nella chiesa di Santa Chiara a lavorare incessantemente dalle prime ore del mattino fino a tarda notte per racimolare vestiti e generi di prima di necessità per il popolo aquilano che, da un momento all’altro, si era ritrovato a terra, senza avere più nulla. Una gara che ha fatto partire innumerevoli camion per il capoluogo abruzzese stracolmi di cibi, abiti, cose, ma soprattutto colmi di amore e solidarietà, ripagati dai sorrisi dei bambini alla viste delle uova di Pasqua, ma straziati dall’impossibilità di fare qualcosa in più.

Il terremoto e probabilmente l’incuria e la scarsa informazione si portarono via 309 persone, perlopiù giovani, studenti dell’università dell’Aquila, intrappolati sotto le macerie della casa dello studente e delle loro case venute giù come castelli di sabbia. Tra di loro, le due studentesse lancianesi, Martina Salcuni ed Ilaria Rambaldi, strappate al futuro che si stava costruendo con studio ed impegno.

7 anni dopo L’Aquila e l’Abruzzo non dimenticano, non possono farlo, ma a distanza di tempo, di prevenzione ed informazione si parla ancora troppo poco.

Martina Luciani

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK