Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

"Il vero nuovo ospedale di Lanciano è il Renzetti"

Annunciati miglioramenti, lavori e nuove unità in arrivo nel presidio frentano.

| di Martina Luciani
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

LANCIANO - “Il vero nuovo ospedale di Lanciano è il Renzetti”. Così, in una conferenza stampa, l’assessore regionale alla sanità Silvio Paolucci, il sindaco Mario Pupillo e il segretario cittadino del PD Leo Marongiu, hanno annunciato importanti cambiamenti e miglioramenti per il presidio frentano.

“Questa mattina abbiamo avuto un proficuo incontro con i vertici dell’ospedale - ha commentato Marongiu - per capire punti di forza e criticità per poterlo migliorare”. A Lanciano, infatti, sebbene non ci siano ancora numeri certi, nell’ultimo periodo sono aumentati parti e accessi al Pronto Soccorso, per questo, un miglioramento si rende necessario.

“Da novembre ci saranno due nuovi anestesisti, si arriverà così a 19 - ha spiegato Silvio Paolucci - aumenteranno inoltre le sedute ortopediche, da 5 a 7, chirurgiche, da 4 a 6 e ginecologiche, da 2 a 3. Partiranno a breve anche i lavori in chirurgia e nel reparto ginecologia. E una riorganizzazione delle liste di attesa, che saranno rese più trasparenti”.
5 milioni di euro saranno destinati al reparto materno-infantile, 500 mila per chirurgia e 120 mila per il reparto di cardiologia. Partirà inoltre anche un vero e proprio anestesista in guardia attiva, e non più in reperibilità come ora che garantirà maggiori garanzie rispetto al presente.

“Ciò che vogliamo fare - ha dichiarato il direttore Pasquale Flacco - è dedicare 10-15 posti letto nel Pronto Soccorso per migliorarlo e decongestionare gli altri reparti”.
Restano oggi in Abruzzo 7 presidi attivi. I quattro capoluoghi (Chieti, Pescara, Teramo e L’Aquila) con presidi di 1° livello con circa 500 posti letto, tre strutture di 2° livello (Avezzano, Lanciano e Vasto) e gli altri dedicati ad emergenza/urgenza. “Il progetto per il futuro resta quello di creare una grande Asl unica divisa in cinque territori della salute - ha concluso l’assessore Paolucci - Chieti/Pescara, Lanciano/Vasto, Avezzano/Sulmona, L’Aquila e Teramo”.

Martina Luciani

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK