Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

L'Abbazia di San Giovanni in Venere perde un pezzo di intonaco, il grido d'allarme di Di Giuseppantonio

"Che gli enti preposti considerino l'opportunità di destinare un congruo finanziamento per restauro e conservazione" è la richiesta del primo cittadino

| di Martina Luciani
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

FOSSACESIA - E’ un grido d’allarme quello lanciato dal sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio dopo il distacco di una parte di intonaco su un lato di San Giovanni in Venere.

Il primo cittadino chiede quindi alla Sovrintendenza per i Beni Artistici ed Architettonici ed alla Regione Abruzzo di non dimenticare l’Abbazia di San Giovanni in Venere, dopo l’ulteriore danno che ha colpito il complesso monastico di epoca benedettina, ossia il distacco di una parte consistente di intonaco sul lato che si affaccia sul piazzale a fianco dell’ultima bifora.

“E’ necessario che gli enti preposti considerino l’opportunità di destinare un congruo finanziamento per gli interventi di restauro e conservazione dell’Abbazia di San Giovanni in Venere – dichiara Di Giuseppantonio -  Il complesso monastico rappresenta un fiore all’occhiello dei beni culturali di tutto l’Abruzzo e non è concepibile che il suo decoro venga compromesso”.

L’Abbazia di San Giovanni in Venere è infatti uno dei più bei monumenti di epoca benedettina di tutta la regione non solo dal punto di vista artistico ed architettonico, ma anche relativamente alla cornice paesaggistica in cui sorge.

“Non posso permettere che la mancanza di conservazione comprometta la valenza di un bene culturale di tale importanza – afferma ancora il sindaco – Questa amministrazione sta puntando particolarmente sul rilancio del turismo del territorio ed ovviamente per noi ed anche per tutto l’Abruzzo, questo straordinario monumento rappresenta senza alcun dubbio un elemento di attrazione turistica fondamentale. Per questo faccio appello alla Sovrintendenza dei Beni Artistici ed Architettonici, alla Prefettura ed alla Regione Abruzzo, affinché attuino un piano di monitoraggio sull’Abbazia e contestualmente individuino fondi sufficienti per assicurare quelle opere conservative necessarie al mantenimento ed alla valorizzazione del complesso monastico”.

Martina Luciani

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK