Rimani sempre aggiornato sulle notizie di lancianonews.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Solidarietà: 60 ore di sport per la ricerca sulle malattie genetiche rare

Le sezioni AVIS di Gessopalena e Pizzoferrato si uniscono per dare "un calcio alle malattie".

| di Ilaria Reale
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

LANCIANO - Si è tenuta questa mattina, a Lanciano, la conferenza organizzata dal “comitato AVIS per Telethon” in collaborazione con la sezione Avis di Gessopalena. Torna infatti l’appuntamento con “Un calcio alle malattie”, rassegna giunta alla settima edizione che prevede un incontro di calcio della durata di 30 ore consecutive il cui ricavato sosterrà Telethon e la ricerca sulle malattie genetiche.

A scendere in campo, però, non saranno professionisti, ma bensì una comunità intera: bambini e ragazzi ma anche donne e anziani. Più di 300 persone pronte a vincere, unite da un unico grande desiderio: aiutare attraverso la solidarietà.

“Le malattie genetiche purtroppo non godono di finanziamenti pubblici - spiega chiaramente  Giuseppe Tiberini, ideatore del progetto e presidente della sezione AVIS di Gessopalena - non beneficiano di investimenti sulla ricerca da parte di case farmaceutiche. Il nostro obiettivo - prosegue Tiberini - è quello di poter eliminare il prefisso in- dall’aggettivo incurabile che oggi, purtroppo, ancora segue le malattie genetiche”.

È importante sensibilizzare la popolazione, far circolare informazioni serie e veritiere sul lavoro dei volontari e rendere note le conquiste fino ad ora raggiunte. Nelle precedenti edizioni sono stati raccolti circa 49 mila euro per la ricerca scientifica.

Partecipare è facile e con il minimo contributo di 10 euro si può ricevere la maglia di una delle due formazioni calcistiche, i cui colori cambiano ogni anno e probabilmente quest’anno verranno scelti dagli utenti sulla pagina Facebook di riferimento.

E quest’anno la comunità si allarga, la manifestazione cresce sul territorio e in questa edizione il comitato organizzatore ha deciso di gemellarsi con la sezione AVIS di Pizzoferrato, comune da cui partirà l’evento.

Dal 1 agosto, a partire dalle ore 18.00, fino al 3 agosto, si organizzeranno 30 ore di partite nelle ore serali e notturne. Il giorno 4, invece, i bambini di Pizzoferrato consegneranno simbolicamente ai bambini di Gessopalena un pallone con cui dare inizio alla mega partita finale di 30 ore consecutive che, iniziando alle ore 18.00, terminerà alla mezzanotte del giorno successivo. Complessivamente 60 ore di sport e non solo: musica live e stand enogastronomici con a disposizione vari prodotti tipici della zona faranno da cornice a queste giornate di solidarietà.

Telethon non è solo una trasmissione televisiva - afferma il delegato nazionale Telethon Rodolfo Schiavo - poiché il lavoro degli organizzatori e dei ricercatori dura tutto l’anno”.
“L’anno prossimo, il progetto raggiungerà anche il comune di Palombaro, sperando che la manifestazione più importante della provincia di Chieti continui la sua espansione attraverso più comuni possibili” commentano gli organizzatori.

“Un calcio alle malattie”, sostenendo la ricerca, rappresenta forse una goccia dell’oceano,parafrasando le parole di Madre Teresa di Calcutta, come ricordato da Tiberini ma magari “quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno”.

Ilaria Reale

Contatti

redazione@lancianonews.net

Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK